Shiori

Io sono Shiori e ballo

Il suo viso è rilassato, dai suoi occhi parte uno sguardo dritto e limpido.  Capelli lunghi castani al vento. Giacca e sciarpa la proteggono dal freddo di questa giornata nebbiosa. Come è solita fare quando è in viaggio, Shiori Harms indossa delle cuffie e sta ascoltando musica. Adora la contemporanea, il jazz ed il pop. Le piace anche la musica classica. "Ascolto sempre la musica, mi rende felice." Adora anche ballare, non importa se a casa da sola, in discoteca con gli amici o sopra il palcoscenico sotto i riflettori. "La danza è un pezzo importante della mia vita".

Shiori vive a Mainz, è una studentessa di giurisprudenza al quarto semestre. Lezioni, lavori di gruppo, studio ed esami sono la sua vita. Ballare è uno svago, l’aiuta a processare le emozioni. Shiori ha solo 19 anni ma ha già realizzato qualcosa, un qualcosa che gli altri fanno fatica a realizzare, persino le generazioni più vecchie. "Ci sono cose nella vita che non puoi controllare ma puoi sempre scegliere di essere libero. " Essere liberi è molto importante per Shiori, soprattutto ballare le dà questa sensazione.

 

“Mi sento totalmente libera quando ballo”

Shori è nata nel 1999 nella città tedesca di Troisdorf, è cresciuta in una casa di musicisti. Sua madre è una pianista e suo padre suona il piano e il sassofono. "A casa eravamo sempre circondati da musica e io ballavo." Ha imparato le basi della danza a 5 anni durante le lezioni di danza classica. Ha Iniziato a praticare il jazz all’età di 14.

Quando balla, Shiori si sente realizzata. Tuttavia, accettare sé stessa così com'è, è una cosa che ha dovuto imparare. Non è stato un percorso facile, Shiori è nata con un raro difetto congenito chiamato Dysmelia. Le manca l'avambraccio sinistro. "In passato, ad esempio, avevo spesso l’impressione di essere guardata con pietà, ciò ha avuto un impatto notevole sulla mia autostima. Per questo motivo, cercavo di nascondere il mio braccio sinistro il più possibile. "

“La danza mi ha insegnato a fidarmi del mio corpo”

Sebbene di tanto in tanto tende a nascondere il braccio inconsciamente, è riuscita comunque  a far fuori i pensieri negativi e a non dar peso ai giudizi altrui. "Sono quel che sono e sono grata per ciò che ho" dice con ottimismo Shiori. "La danza mi ha aiutato durante i momenti più  difficili. Quando sono sul palco, sotto i riflettori, non posso nascondere nulla. Sono concentrata e non ho tempo di pensare a ciò che gli altri pensano di me. La danza mi ha insegnato a fidarmi del mio corpo. Ciò mi ha reso libera. "

Shiori era solita a ballare senza protesi. Il cambiamento è avvenuto in occasione di una performance del DIN A13 Tanzcompnay di Colonia. Le coreografe Gerda König e Gitta Roser hanno invitato Shiori ad esibirsi con la protesi. Il cast della Tanzcompany è formato da ballerini con diverse caratteristiche fisiche.

Durante la performance "Technolimits", Shiori si esibisce con la protesi per la prima volta. "Eravamo 3 ballerini professionisti e 3 ballerini amatoriali con protesi. In sostanza, si trattava delle opportunità che offrono le nuove protesi bioniche ". In primo luogo, durante le prove, lei e gli altri ballerini hanno esaminato le diverse qualità del movimento ed in seguito hanno creato insieme una storia. "E stato davvero eccitante, dato che fino ad allora avevo solo a che fare con storie  che mi venivano assegnate da coreografi e che in seguito imparavo e ripetevo sotto forma di danza. "

“Ho trovato la mia strada”

 

Shiori adora l’idea di lavoro collettivo. Per due mesi accetta volentieri il lungo viaggio verso giornate intere di prove. "Far parte di tutto ciò mi fa sentire bene. Mi dà forza e tanta gioia. "Le reazioni del pubblico dopo la performance la elettrizzavano. " Il pubblico era impressionato dalla protesi, non aveva pietà. Questa è stata la principale sensazione che ho percepito.

 Non riuscire a ballare è inimmaginabile. "Non saprei dove mettere l'energia che ho dentro di me. Ho trovato la mia strada."

Una vita senza limitazioni per me significa essere percepita come una persona integra.

A Shiori Harms manca l'avambraccio sinistro. Questo difetto congenito è chiamato Dysmelia. Ha ricevuto la sua prima protesi quando aveva solo quattro anni. Più che aiutarla la infastidiva, per questo motivo la maggior parte delle volte la lasciava a casa. Quando ha ottenuto la patente di guida, il suo desiderio di possedere una nuova protesi è aumentato. Da allora indossa l'i-Limb Quantum, una protesi di mano bionica dotata di dita che si articolano individualmente. I sensori presenti nelle dita riescono ad avvertire eventuali resistenze e permettono alla mano di reagire di conseguenza. È possibile configurare impugnature di diverso tipo tramite un'app mobile. Questa opzione permette di soddisfare al meglio le proprie esigenze. Da quando ha iniziato ad utilizzare la protesi, i muscoli di Shiori vengono sollecitati con molta più frequenza. Ciò le ha permesso di potenziare il suo braccio sinistro.